PRESS
Tutte le Press
Martedì 27 3 2007, LEGGO

Botta e risposta fra Corticelli e Zamboni

People mover, è polemica

Il People mover è "un'operazione da Prima Repubblica, una vergogna per una città come Bologna. Si privatizzano gli utili e si trasferiscono i rischi di perdita sulla gestione" . A lanciare l'accusa è l'associazione Il Metro che vorrei", presieduta dal consigliere comunale guazzalochiano Daniele Corticelli. "C'è un dissidio insanabile tra il consigliere Corticelli e l'aritmetica - ribatte Zamboni, assessore alla Mobilità e ai. Lavori pubblici al comune. Se non è capace di leggere un piano economico finanziario non so cosa farci, dovrebbe farsi consigliare da qualcuno". Sul collegamento aeroporto-stazione, per l'assessore, "l'elemento che dirimerà tutta la questione è l'emanazione del bando di gara". Intanto offre un "assist" a Zamboni il presidente del Collegio costruttori , Marco Buriani: "Il Comune faccia i bandi e li faccia bene. Bisogna andare avanti. Se stanno in piedi, le imprese faranno delle offerte e il People mover si farà. E poi, se di tutte le infrastrutture si fa una questione politica, di logiche di partito , si blocca tutto".

 

NEWSLETTER

Rinnova l'iscrizione per il 2007 e aderisci al Metrò che Vorrei.

Giovedì 15 5 2008, IL CORRIERE DELLA SERA
Il people mover al palo Deserta la gara d'appalto Da mesi c'è chi sostiene che costo del biglietto e domanda di trasporto non coprirebbero le spese
Giovedì 15 5 2008, IL DOMANI
II People mover non parte più - L'assessore Zamboni attacca le imprese e il sistema bancario: «Qui non si muove davvero nulla»
Giovedì 15 5 2008, IL RESTO DEL CARLINO
Nessuna offerta per il People mover Va deserta l'asta comunale per la navetta stazione-aeroporto. Zamboni: «Difficile coinvolgere i privati»
Giovedì 15 5 2008, LA REPUBBLICA
"Non c'erano le condizioni economiche" I costruttori e le coop: previsioni di traffico esagerate. Corticelli: "Zamboni si dimetta, glielo avevamo detto in tutti i modi"
Lunedì 12 5 2008, IL RESTO DEL CARLINO
civis - Carmelo Adagio: «Le date dei cantieri? Non esistono più»